I AM Machina - il blog

Il blog dell'Istituto Tecnico Superiore Machina Lonati di Brescia

Foulard: tra lusso ed eleganza

Simbolo di lusso, stile ed eleganza, il foulard è un accessorio che completa qualsiasi outfit ed È capace di donare ad ogni look un tocco raffinato.

Proprio grazie a questa sua qualità, il foulard, fin dalla sua creazione, ha saputo distinguersi ed avere così tanto successo!

Quando si parla di foulard non possiamo non pensare ad Hermès, la maison che ha saputo costruire il proprio stile esclusivo attorno a questo accessorio.

L’origine del foulard è molto antica

Questo capo, infatti, veniva indossato inizialmente solo in ambito militare e contadino per via delle sue doti pratiche: permetteva ai soldati e ai braccianti di proteggere la gola dal vento o la testa dal sole.

Con il passare del tempo, grazie alle sue proprietà, si è diffuso anche in un contesto lontano dai campi e dal fronte e ha acquisito una dimensione più “modaiola”.

Nel corso dei secoli, molte botteghe si sono dedicate alla creazione di foulard, iniziando a curare in maniera minuta i dettagli in modo da offrire alle persone un capo pregiato, da sfoggiare in qualsiasi occasione.

Anche la religione ha contribuito a rendere il foulard un elemento distintivo. Doverlo indossare durante le funzioni per coprire una scollatura o i capelli e per abbellire il vestito della domenica, infatti,  ha spinto le donne a ricercare accessori sempre più belli.

Chiesa, Madonna Assunta. Le donne indossano tutte il foulard.

In sostanza, non hanno mai perso la loro funzione pratica, ma hanno acquisito sempre più eleganza e bellezza. E questo è solo l’inizio!

HERMÉS E LA CREAZIONE DEL FOULARD MODERNO

Alla fine degli anni 30‘ del Novecento, Emile Maurice Hermès, capostipite della terza generazione Hermès, creò il carré 90×90 di pura seta, prendendo spunto dal “mouchoir de cou, il fazzoletto da collo indossato dai soldati napoleonici.

Pubblicità del primo foulard Hermès del 1937, The Journal of Antiques and Collectibles.

Prima di allora, erano stati compiuti vari tentativi di realizzare una versione più femminile del foulard, ma la svolta fa l’incontro di Hermès con Marcel Gandit, tessitore di Lione, che aveva saputo mettere a punto un sistema per riprodurre su seta stampe elaborate, nei minimi particolari.

Il primo Foulard Hermès venne realizzato nel 1937 con il titolo “Jeau des Omnibus et Dames Blanches”.

1937, Jeau des Omnibus et Dames Blanches.
Significato del titolo: L’ispirazione deriva da un gioco da tavola francese molto popolare nella seconda metà del 1800, simile al nostro Gioco Dell’Oca mentre Dames Blanches era il nome di una compagnia di vetture pubbliche nell’epoca del cavallo.

Il foulard hermès: un mezzo per divulgare e insegnare

Le prime stampe erano temi cari alla maison: cavalli, imprese militari, grandi avvenimenti della storia e della vita civile parigina, con rimandi alla moda.

Successivamente Robert Dumas, socio e genero di Emile Maurice Hermès, ingaggiò due importanti illustratori del tempo, Hugo Grygkar e Philippe Ledoux, che, prendendo spunto dagli oggetti conservati ancora oggi nel museo Hermès e integrando la loro abilità e creatività, portarono la moda al confine con l’arte, rendendo il foulard un accessorio a dir poco affascinante.

A loro due dobbiamo la creazione di foulard tra i più famosi e ricercati da tutti i collezionisti:

  • Musée;

Fonte:Elle

  • Napoleon;

Nella trama di questo carrè sono presenti le api, simbolo dei reali francesi.

  • Lettre de Napoleon a Murat;

Da allora, ogni anno, la ricerca di illustratori si rinnova e ogni collezione di foulard Hermès è attesa con grande interesse.

IL FOULARD NEL COSTUME MODERNO

Solo negli anni 60’ nasce il concept di foulard come lo intendiamo noi oggi: un accessorio pratico, ma di classe.

Da semplice copricapo, inizia ad essere portato annodato al collo, attorno alla tesa di un cappello o legato ad una borsa per dare un tocco chic e raffinato all’outfit.

I foulard Hermès sono diventati, tra le altre cose, un simbolo che distingueva lo status sociale di chi lo indossava.

Grandi dive del cinema, tra cui citiamo Grace Kelly, Audrey Hepburn e Jacky Kennedy, sono state le “testimonial” dell’uso elegante di questo accessorio versatile, ma allo stesso tempo di grande classe.

Nella moda maschile, i “fazzoletti” sono spesso utilizzati come mezzo per rendere omaggio ad  un evento. Ne sono un esempio quelli realizzati in occasione della Mille Miglia o, più in generale, delle gare di auto da corsa.

Col passare del tempo l’uso di questo accessorio per completare un outfit è stato abbandonato e trascurato, ma in tempi recenti anche i più giovani hanno iniziato nuovamente ad indossarlo.

3 COSE CHE NON SAI SUI FOULARD

  1. Il termine ha origine da “foular” (follare), un tecnicismo che identifica il processo di lavorazione utilizzato per rendere il tessuto più compatto e resistente;
  2. La tavola del gioco, ispirazione per il primo foulard Hermès del 1937, è ancora custodita nel Museo Hermès che si trova sopra allo storico negozio di Parigi al 24 di Faubourg Saint Honoré;
  3. Uno dei motivi ornamentali più conosciuti è sicuramente il Napoleon, in cui Bonaparte è riproposto in cinque diverse scene della sua vita.

5 MODI PER ABBINARE IL FOULARD

Katyusha Bertuletti
I anno del percorso di Marketing e Comunicazione per le Imprese di Moda

 

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2018 I AM Machina – il blog

Theme by Anders Norén