I AM Machina - il blog

Il blog dell'Istituto Tecnico Superiore Machina Lonati di Brescia

Etro: casa di moda o casa di cultura?

Etro festeggia proprio quest’anno il suo CINQUANTESIMO compleanno e come sempre riesce a farlo in un modo tutto suo, tanto personale quanto iconico, stupendo ed emozionando ancora una volta.

“Festa di una comunità gioiosa che vuole celebrare i suoi tratti distintivi: curiosità, arte, ricerca, viaggio, natura, esplorazione”, così il Corriere della Sera in un’intervista agli Etro.

Sì, perché Etro è emozione, energia, ma soprattutto amore smisurato, per la moda e ancor di più per l’arte.

Penso sia proprio questo il loro grande segreto: nutrirsi costantemente di cultura, qualsiasi essa sia, non smettere mai di cercare nuove bellezze e poter raccontare con ogni collezione una storia di colori, sapori, culture e valori diversi.

«Fossero stati solo vestiti ci saremmo annoiati a morte, per fortuna qui non si respira solo moda»,
Veronica Etro intervistata dal Corriere della Sera.

…E se te lo sei perso, leggi cosa ci hanno raccontato Stefano Bianchi e Andrea Cominoli, videomaker per Etro, durante la loro visita in ITS!

Etro: l’arte applicata al prét a porter

La Maison nasce nel 1968 grazie al genio intuitivo di Gerolamo, detto Gimmo, Etro.

Il clima sociale rivoluzionario, l’amore per i viaggi e la passione maniacale per gli scialli, le sculture e i costumi antichi (che colleziona), lo portano ad avere l’intuizione del secolo: trasformare quei tessuti pregiati in capo finito.

Una personalità forte come quella di Gimmo si riflette in un Brand dall’identità inevitabilmente ben definita e testimone di un linguaggio che non verrà mai tradito negli anni: tessuti pregiati, lavorati sempre a mano con tecniche antichissime, design elegante ma cosmopolita, motivi che parlano di Oriente e accostamenti cromatici eccentrici, ma studiati nel dettaglio.

«Noi Etro siamo così, come il Paisley: imprenditori e sognatori, viaggiatori e solidamente milanesi, tradizionali e rivoluzionari»,
Veronica Etro intervistata dal  Corriere della Sera.

Ogni collezione nasce sempre nello stesso identico modo.

Un’immersione nell’archivio di famiglia, sfogliando i volumi, accarezzando i tessuti raccolti durante i viaggi e tenendo bene a mente  un elemento fondamentale: il Paisley.

Il Paisley è un motivo di origine mesopotamica che simboleggia l’albero della vita e che è diventato negli anni il simbolo della Maison.

Scatti dell’Apriti Moda a Milano

CURIOSITÀ

• L’archivio Etro è uno dei più ricchi e particolari esistenti.

Circa 7000 pezzi tra libri antichi, tessuti del diciottesimo e diciannovesimo secolo, cataloghi, paramenti sacri provenienti da conventi francesi e scialli antichi di cui Gimmo è il primo collezionista europeo.

È un archivio che si continua ad arricchire grazie anche all’apporto dei suoi quattro figli, che del padre hanno gli stessi occhi pieni d’entusiasmo e la stessa passione per l’arte.

«Il fatto di essere una famiglia aiuta molto: siamo in linea su tutto perché dalla stessa barca siamo partiti. E ci piace l’avventura»,
Ippolito Etro intervistato dal Corriere della Sera.

La famiglia Etro

Etro festeggia con una serie di eventi il suo cinquantesimo compleanno proponendo una collezione di 92 capi, uomo e donna insieme, che ripercorrono tappe e pilastri fondamentali per la Maison.

Il tema e cuore pulsante della collezione è sicuramente il viaggio: tra Paesi e culture e attraverso i secoli.

Il risultato? Un défilé di abiti che sanno allo stesso tempo di Oriente e di Settecento Francese rivisti in chiave bohémien.

Scatti dell’Apriti Moda a Milano

La sfilata si apre però con un colore inatteso: il bianco.
Pizzi e ricami con linee che richiamano lo spirito di Versailles e gli abiti di scena del ballerino Rudolf Nureyev, la cui collezione appartiene all’archivio Etro.

I motivi mischiano in modo sublime ricami a fiori di altri tempi e grafie tipiche del mondo lontano.

Lo stesso gioco si ripete per i tessuti: strutturati e lavorati per le giacche, morbidi e svolazzanti per abiti, gonne, camicie e pantaloni.

Dopo una ventina di capi bianchi ecco l’esplosione d’Oriente!

Colori tipici e il motivo a Paisley, simbolo della Maison: viola, fucsia, arancio, verdi, colorano capi che mischiano forme settecentesche ad uno stile dal forte sapore orientaleggiante.

Da non dimenticare l’uomo “Dandy”: estremamente curato ed elegante.

CURIOSITÀ

• Etro produce una collezione Home e Arredamento dai caratteri forti e inconfondibili, tra cui una una collezione mare che potete trovare qua!

• Veronica Etro vive in una casa eccentrica e iper colorata! Particolarità? Una camera da letto a cielo aperto per vedere la luna e lo scorrere del tempo.

• Etro ha vestito Daniele Bossari nel giorno delle sue nozze.


Aurora Agnino

I Anno del percorso di Stilista Tecnologico

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2018 I AM Machina – il blog

Theme by Anders Norén