I AM Machina - il blog

Il blog dell'Istituto Tecnico Superiore Machina Lonati di Brescia

Fridamania: c’è davvero bisogno di spiegare perché la amiamo tanto?

Una volta un ragazzo durante il nostro primo appuntamento, dopo aver parlato un po’ delle reciproche attitudini e passioni, se ne uscì – con sguardo divertito e beffardo – con questa frase: “non riesco a capire come mai tutte voi ragazze dai 20 ai 30 anni avete questo amore incondizionato per Frida Kahlo… cosa ci troverete mai in lei”. Inutile stare a spiegare perché quel primo appuntamento fu anche l’ultimo; dai, se non capisci ciò che l’immagine di Frida può significare per una ragazza… uh, chissà quante cose non capisci! (Avanti il prossimo…..)

Frida Kahlo non è solo un artista, è una Donna con la D maiuscola.

È una tigre che non si è mai arresa: fin da piccola, dopo una poliomielite che le deformò per sempre la gamba destra e dopo esser stata vittima in incidente su un tram che la portò a dover subire innumerevoli interventi, è la rappresentazione del tipo di donna forte e decisa che ognuna di noi aspira ad essere.
Anche il suo matrimonio con l’artista Diego Rivera, incredibilmente felice e doloroso allo stesso tempo (per via degli svariati tradimenti di lui e dei diversi aborti) non può che renderla agli occhi di qualsiasi ragazza una donna dalle visioni aperte, dalla forza incredibile.
E che dire delle sue lettere d’amore che ancora oggi possiamo leggere? Non si tratta forse di quell’amore profondo, passionale, sconvolgente che ogni ragazza spera di provare per qualcuno prima o poi…?

Frida Kahlo ONO arte (Eva Alejandra Matiz and 'The Leo Matiz Foundation')

Frida Kahlo ONO arte (Eva Alejandra Matiz and The Leo Matiz Foundation)

“In vita mia mi sono capitati due incidenti gravi:
Il primo quando un tram mi ha messa al tappeto… L’altro incidente è Diego”.
(Frida Kahlo)

Tutti questi aspetti di Frida sono visibili nella mostra a lei dedicata presso Palazzo Albergati, a Bologna. Ci sono stata durante il periodo natalizio e non ho potuto non adorarla!

La mostra è ben strutturata, grazie ad essa ci si può immergere completamente nella sua vita e in quella del suo compagno Rivera. Svariate sono le fotografie ed i suoi quadri, Molti sono autoritratti, dove dolore e amore si mischiano e confondono dando vita a un’esplosione di emozioni nello spettatore. Leggendo la biografia di Frida presente nella mostra è molto più semplice capire cosa c’è dietro ogni pennellata dei suoi quadri: c’è lei e il travaglio della sua esistenza, il sangue e le spine, i busti e le colonne spezzate, i suoi sentimenti feriti, il suo amore per la vita, i tradimenti subiti…
Ma non è tutto! Oltre i dipinti, le fotografie, i collages, le litografie, i disegni esposti, alla mostra si aggiunge una chicca per le amanti della moda come me: sono esposti infatti gli abiti dei più grandi stilisti che si sono ispirati a Frida Kahlo: da Marras, a Ferrè, a Valentino… questi sono solo alcune dei marchi presenti!

frida2

Amante delle stampe floreali, dei corpetti, degli orecchini lunghi e delle acconciature estrose, molti stilisti sono stati ispirati dai suoi abbinamenti tra colori accesi e fantasie ricamate. Frida, di fatto, con la sua forza espressiva ha proprio conquistato il mondo della moda!
La mostra (che oltre le opere di Frida e Diego contiene anche alcuni quadri di pittori muralisti messicani) rimarrà a Palazzo Albergati fino al 26 marzo 2017.
Ma insomma! Ancora non avete preso i biglietti???

frida_mania

Arianna Ganda
Studentessa II°Anno Stilista Tecnologico

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2018 I AM Machina – il blog

Theme by Anders Norén